Ambito economico:
1.      Si illustrino, anche con l'aiuto di opportuni grafici, le scelte di equilibrio di un consumatore
2.      Cosa si intende per effetto reddito ed effetto sostituzione a seguito della variazione del prezzo di un bene? Si utilizzino grafici esplicativi.
3.      Cosa si intende per rendimenti di scala?
4.      Si spieghi il concetto di massimizzazione del profitto. Come determina l'impresa la quantità ottima da produrre?
5.      Si fornisca una definizione di prodotto interno lordo, di tasso di inflazione e di tasso di disoccupazione
6.      Secondo il modello IS/LM, quali sono gli effetti sul reddito ed il tasso di interesse di una politica fiscale espansiva?
7.      Cosa si intende per debito pubblico? Da quali variabili è influenzato?
8.      Che differenza esiste tra prezzo e valore fondamentale di un’azione? E cosa si intende per bolla speculativa razionale?

Ambito quantitativo (area matematica):

Matematica:
1. Sapere riconoscere ed interpretare i grafici delle principali funzioni analitiche
2.a) Definire il concetto di derivata di funzione reale di una variabile reale.
    b) Illustrarne il significato geometrico.
    c) Date due funzioni, f e g, scrivere le seguenti regole di derivazione:
         c1) D[f°g] =
         c2) D[f/g] =
3. Si consideri la funzione così definita: f (x) = x, x (−∞, 2), f (x) = 2x, x [2, +∞)
     Si chiede di:
     a) Rappresentarla graficamente
     b) Affermare se tale funzione è continua o meno
            - nel punto x0 = 2
            - nell’intervallo [2, +∞)
            definendo il concetto di funzione continua in un punto e in un intervallo.
4.a) Definire il concetto di rapporto incrementale di una funzione
    b) Illustrarne il significato geometrico
    c) Definire il concetto di derivata di una funzione
    d) Illustrarne il significato geometrico
5. La funzione esponenziale in base e: f (x) = e^x
    a) Illustrarne le principali caratteristiche (campo di esistenza, eventuali intersezioni con gli assi, comportamento agli estremi del campo di esistenza, crescenza/decrescenza, concavità)
    b) Rappresentarla graficamente

Matematica finanziaria:
1. Si misuri il tempo in anni.
    Sia M1 il montante al tempo t, t > 1, prodotto da un capitale C (C > 0) impiegato al tempo t = 0 in regime di capitalizzazione composta annua, convenzione esponenziale, al tasso annuo di interesse i.
    Sia M2 il montante allo stesso tempo t, t > 1, prodotto dallo stesso capitale C (C > 0) impiegato al tempo t = 0 in regime di interesse semplice.
    Dire quale delle seguenti affermazioni è vera:
      a) M1 < M2 , t;
      b) M1 > M2 , t;
      c) M1 < M2 , t (1, 2] e M1 ≥ M2, t (2, +∞);
      b) Non si può dire quale dei due montanti sia maggiore: dipende dall’ammontare del capitale impiegato.
2. Illustrare come si forma il montante di un capitale C, C ≥ 0, impiegato per t anni, t ≥0, a tasso annuo di interesse i, i > 0:
      a) in regime di capitalizzazione semplice
      b) in regime di capitalizzazione composta annua
3. Si consideri l’investimento di un capitale C>0 al tempo t=0 per un numero intero n di anni, al tasso annuo di interesse i>0.
      Spiegare la differenza tra le seguenti leggi di formazione del montante M:
      a) legge di interesse semplice
      b) legge di capitalizzazione composta annua
      Se la durata dell’investimento fosse un numero non intero di anni n = n0 + p , dove n0 rappresenta la parte intera di n e p la parte non intera, scrivere l’espressione del montante nei due precedenti casi a) e b).
4. Si misuri il tempo in anni.
    Sia M il montante al tempo t, t > 0, prodotto da un capitale C impiegato al tempo t = 0, al tasso annuo di interesse i:
      a) scrivere l’espressione di M se è in vigore il regime dell’interesse semplice
      b) scrivere l’espressione di M se è in vigore il regime della capitalizzazione composta annua, convenzione esponenziale
      c) scrivere l’espressione di M se è in vigore il regime della capitalizzazione composta annua, convenzione mista, distinguendo il caso di durate intere e non intere di anno.
5. Si misuri il tempo in anni a partire da oggi, tempo zero. Si consideri un capitale C esigibile tra n anni, (n intero). Sia d il tasso annuo di sconto. Scrivere l’espressione del capitale che è possibile avere a disposizione oggi (valore scontato in zero) in luogo di C in n:
      a) in regime di sconto commerciale
      b) in regime di sconto composto

Ambito quantitativo (statistica):
1.     Definire l'indipendenza tra due variabili aleatorie e spiegarne il significato intuitivo;
2.     Definire la covarianza tra due variabili aleatorie e spiegarne il significato intuitivo;
3.     Si dimostri che se due variabili aleatorie sono indipendenti, allora esse hanno zero covarianza;
4.     Si dimostri che se due variabili aleatorie hanno zero covarianza, questo non implica che siano indipendenti;
5.     Si spieghi la differenza tra media campionaria e media della popolazione, avendo cura di definire entrambi i concetti;
6.     Si definiscano la skewness e la kurtosis di una variabile aleatora. Quanto è la kurtosis di una variabile Normale (0,1)?

Ambito aziendale:
1.    Indicare le finalità informative dei documenti che compongono il bilancio di esercizio di un’azienda;
2.    Illustrare gli indicatori di redditività di un’azienda;
3.    Illustrare le determinanti del fabbisogno finanziario di un’azienda;
4.    Descrivere le modalità di copertura del fabbisogno finanziario di un’azienda;
5.    Spiegare cosa si intende per break even point;
6.    Illustrare il significato e le componenti del capitale circolante netto;
7.    Identificare le determinanti e la misura della capacità di autofinanziamento di un’azienda;
8.    Spiegare cosa si intende per equilibrio finanziario di un’azienda, a breve e a medio-lungo termine.