Art. 1 - Definizione e funzioni.
1. Per “Cultore della materia” si intende l'esperto o lo studioso, non appartenente ai ruoli del personale universitario docente e ricercatore a tempo indeterminato, che abbia acquisito in una disciplina documentate esperienze e competenze.
2. Il Cultore della materia è ammesso, alle condizioni stabilite nel presente Regolamento, a far parte delle Commissioni degli esami di profitto della disciplina per la quale è stato nominato, ovvero in di altre discipline afferenti al medesimo settore scientifico-disciplinare. L'effettiva partecipazione del Cultore della materia alle Commissioni di esame è in ogni caso subordinato ad esplicito invito del docente titolare del relativo insegnamento.
3. Le attività svolte dal Cultore della materia non danno diritto ad alcun compenso o rimborso, sotto nessuna forma e ad alcun titolo e sono svolte esclusivamente su base volontaria. Esse non danno luogo a diritti in ordine all’accesso ad altre funzioni ed altri ruoli in ambito universitario e non danno diritto ad eventuali riserve di posto.
4. Il Cultore della materia può fare uso di tale qualifica esclusivamente durante il periodo di attribuzione della stessa, e con l’indicazione della disciplina per la quale è stata conferita.

Articolo 2 - Procedura di nomina.
1. L'istanza di nomina a Cultore della materia deve essere presentata e sottoscritta da un docente di ruolo (ordinario o associato o ricercatore a tempo indeterminato titolare di incarico di insegnamento) ovvero da un docente titolare di contratto di insegnamento già in ruolo presso l’Ateneo della disciplina nell’ambito della quale il Cultore svolgerà la propria attività.
2. L'istanza, redatta secondo il modello allegato al presente regolamento, deve essere sottoscritta anche dal candidato Cultore della materia, deve essere accompagnata da un curriculum vitae dell’interessato e corredata dall’elenco delle eventuali pubblicazioni.
3. L’attribuzione della qualifica di Cultore della materia viene deliberata dal Consiglio di Corso di studi cui afferisce l'insegnamento relativamente al quale si richiede la nomina. La verifica dei requisiti formali e sostanziali dell’istanza è di competenza della Commissione cultori della materia, che riferisce al Consiglio di Corso di studi.

Articolo 3 - Requisiti.
1. Possono essere nominati Cultore della materia coloro che posseggano almeno uno dei seguenti requisiti:
a) possesso del titolo di dottore di ricerca in una materia coerente con la disciplina per la quale viene avanzata istanza;
b) possesso da almeno 3 anni della laurea quadriennale o della laurea specialistica o magistrale unitamente ad almeno una pubblicazione su rivista scientifica, riconosciuta come tale dall'Anvur, in una materia coerente con la disciplina per la quale viene avanzata istanza;
c) possesso da almeno 5 anni della laurea quadriennale o della laurea specialistica o magistrale unitamente allo svolgimento di attività professionale significativa in un settore rilevante per l'evoluzione della disciplina. In via eccezionale potranno essere valutate le istanze relative a non laureati con lunga carriera professionale in materie attinenti al settore scientifico disciplinare.
d) titolarità presso l'Ateneo di un contratto di insegnamento nello stesso settore scientifico-disciplinare per il quale viene richiesta la nomina.
2. Il numero massimo di cultori nominabili per ciascun insegnamento è due. Nel caso di richiesta di nomina di cultori in soprannumero il docente istante dovrà darne adeguata motivazione.
3. In deroga ai requisiti previsti dai commi precedenti, sono Cultori della materia, dietro mera comunicazione del nominativo alla segreteria del Dipartimento da parte del docente titolare dell'insegnamento, coloro che, attualmente in pensione, siano già stati docenti o ricercatori di ruolo presso l'Ateneo in un settore scientifico coerente con l'insegnamento per il quale vengono nominati.

Articolo 4. - Rinnovo e revoca.
1. L'attribuzione della qualifica di Cultore della materia è tacitamente rinnovata di anno in anno, salvo revoca deliberata dal Consiglio di Corso di studi cui l'insegnamento afferisce, ovvero per decisione del docente proponente.
2. L’elenco completo dei Cultori della materia è conservato dalla Segreteria didattica del Dipartimento, che provvede altresì ad aggiornarlo.


Modulo istanza nomina cultore della materia